Concorso per un percorso ciclo-pedonale litoraneo
Competition for a coastal pedestrian-cycle path

Lavagna, Italia 2013

Il percorso della pista ciclo pedonale adotta un linguaggio architettonico diretto, funzionale che si adatta di volta in volta alle emergenze del paesaggio circostante lambendo il litorale, aggrappandosi alle rocce o inoltrandosi in mare, separandosi dal mondo della viabilità veicolare. La linea spezzata di una passerella in acciaio COR-TEN dalle proporzioni esili instaura un dialogo con l'andamento della costa. Una sorta di curva di livello a pelo d'acqua che si stacca dalla costa e dai rimbombi del traffico della galleria veicolare per andare alla ricerca di nuove relazioni visive con le bellezze della terraferma.
L'alto parapetto, che nasconde i corpi illuminanti nel corrimano, è forato per alcuni tratti da iscrizioni che citano poesie e scritti di poeti e scrittori liguri, quali Eugenio Montale e Francesco Biamonti, offrendo ai più piccini inediti scorci visivi sul mare e sulle rocce.
Il colore bruno dell'acciaio Cor-Ten si inserisce perfettamente in un contesto ambientale dominato dalle tonalità marroni delle alte pareti rocciose delle Rocche di Sant'Anna.
Lungo i tre segmenti che compongono la passerella dei belvedere in grigliato metallico suggeriscono una sosta immersi nel panorama marino e terrestre.
The pedestrian-cycle track adopts a direct and functional architecture approach adapting from time to time to the surrounding landscape, lapping the coast, clinging to the rocks or proceeding towards the sea leaving the vehicular world. The broken line of a thin footbridge made of Cor-Ten steel enters into a dialogue with the profile of the coastline. A sort of contour line that develops on the water surface leaving the coast and the traffic noise of the vehicular gallery in search of new visual relationships with the beauty of the coast. The high parapet, which hides the light fittings in the handrail, sometimes is perforated by inscriptions mentioning poems and writings of ligurian authors such as Eugenio Montale and Francesco Biamonti offering to children new visual experiences of sea and rocks. The brown Cor-Ten steel perfectly blends with such a landscape dominated from the brown rocky walls of Rocche di Sant'Anna. Along the three segments of the footbridge some metal grating belvederes suggest a pause in the surruonding marine and terrestrial landscape.